Ecco l’amaca da scrivania per l’ufficio

A qualcuno è mancato, durante i mesi di lockdown. Altri non ci tornerebbero, abituati come sono allo smart working. Ma per tutti l’ufficio è uno dei posti in cui si passano, normalmente, diverse ore. Per renderlo più accogliente e rilassante un’azienda statunitense specializzata in forniture per i luoghi di lavoro si è inventata un’amaca da appendere sotto alla scrivania. Per schiacciare un pisolino in pausa pranzo, staccare mentre si beve un caffè o fare una call in comodità.

L’amaca da scrivania di Human Solution (foto: thehumansolution.com)


L’idea arriva dalla Human Solution di Austin, in Texas, che la propone come soluzione per chi passa tante ore in ufficio, ha bisogno di cambiare spesso postura e rende di più facendo dei brevi riposini. Disponibile in grigio e in azzurro, l’amaca può essere agganciata alla struttura della scrivania (il sito spiega che è compatibile con alcuni modelli di tavolo della stessa azienda) con appositi ganci. Regge fino 200 libbre (circa 90 chili), ma nella confezione si trovano anche le corde per attaccarla agli alberi: in questo caso la portata arriva a 180 chili.

Costa 95 dollari, però al momento è in vendita online a 55 dollari (circa 48 euro). Se sdraiarvi al lavoro vi sembra un po’ troppo, la Human Solution propone anche un’altra soluzione: una mini-amaca, sempre da agganciare alla scrivania, per appoggiare i piedi. Il suo prezzo è 69 dollari, anche se adesso la trovate a 29 dollari, cioè 25,50 euro.

Fonte:Wired

  • Condividi:

Altri articoli di Redazione TheLiquidJournal

Chi è Charli D’Amelio, la prima influencer con 100 milioni di follower su Tiktok

In poco più di un anno di pubblicazioni su TikTok Charli D’Amelio è la prima creator a sfondare il muro dei 100milioni di follower. A soli 16 anni Charli ha creato un ecosistema mediatico che le frutta circa 4 milioni annui.

C’è un’opera di Banksy che si potrà comprare all’asta, anche in bitcoin

La casa d’aste Sotheby’s annuncia un’asta per "Flower thrower": chi si aggiudica l’opera potrà scegliere di pagare in bitcoin o ether grazie a una collaborazione con Coinbase

Come la startup che "non funzionerà mai" è diventata Netflix

Il co-fondatore di Netflix Marc Randolph racconta in un’intervista a Wired i primi anni della startup che ha cambiato il mondo dell’intrattenimento e dello streaming