Directa Plus e la mascherina hi-tech al grafene

 Directa plus azienda comasca produttrice di grafene, sta testando una nuova mascherina antibatterica, antistatica e capace di disperdere il calore in eccesso attraverso uno speciale trattamento.  

Il grafene è un componente molto prezioso della grafite, noto per le sue potenzialità applicative in campo della ricerca e dell’innovazione tecnologica.

Giulio Cesareo, fondatore di Directa Plus, parla dell’applicazione del grafene già da tempo nell’ambito tessile per le sue proprietà, è già stato testato dermatologicamente ed è ipoallergenico.

Il progetto nato durante l’emergenza Covid, ha assunto un ampio significato, si vuol mettere a disposizione della comunità un grande prodotto, che è anche un omaggio al territorio comasco.

La mascherina si chiama G+ Co-Mask, è in attesa delle certificazione per valutare le proprietà antivirali.

Per lo sviluppo di questo prodotto innovativo sono stati esaminati più di 180 tessuti, scegliendo infine un particolare tipo di jersey, altamente traspirante.

Il cotone viene sottoposto ad un trattamento a base di acqua e grafene così da permeare le fibre, si ha come risultato un prodotto altamente traspirante, antibatterico e più facilmente sanificabile.

Directa Plus userà come trampolino di lancio tutte le sperimentazioni che sta conducendo in merito alla capacità di filtrazione dell’aria, sia per avviare una collezione di capi di abbigliamento, sia verso una nuova fetta di mercato entrando, nel campo della depurazione dell’aria.

L’azienda comasca vanta già anni di esperienza nella depurazione dell’acqua.


  • Condividi:

Altri articoli di Redazione TheLiquidJournal

Neutrino: Da un coworking di Milano a protagonista dell’innovazione

Neutrino, la startup innovativa che opera nel campo dell’intelligence crypto

Ennio Morricone: saluto al grande maestro

Il grande maestro Ennio Morricone, in seguito ad una caduta era stato ricoverato in una clinica romana, nella giornata del 6 luglio 2020 l’ultimo saluto.

Twitter sta sperimentando le chat vocali

Audio Spaces è il nome della nuova funzione in fase di test. Ogni utente potrà aprire delle stanze dove conversare con chi desidera

Must Read

Ultimi articoli di Innovazione

Smart city, ecco come verranno ridisegnate le città post coronavirus

Gli spazi urbani diventano più fruibili ed efficienti grazie a progetti realizzati in tutto il mondo

Un nuovo “Nord” per OnePlus

Pete Lau, CEO di OnePlus fondata nel 2013 era già vicepresidente di Oppo, entrambi di proprietà di BBK Electonics, a soli 24 anni.

Il tavolo touch screen per sfidarsi (anche in remoto) a oltre 50 giochi in scatola

Grande successo per Infinity Game Table, lanciato su Kickstarter: in pochi giorni ha raccolto 750.852 euro (l’obiettivo era circa 42.000). Si tratta di un piano con schermo e connessione wifi per sfidarsi a oltre 50 giochi in scatola

Twitter sta sperimentando le chat vocali

Audio Spaces è il nome della nuova funzione in fase di test. Ogni utente potrà aprire delle stanze dove conversare con chi desidera