Un nft è stato venduto per sbaglio a 3.000 dollari anziché a 300mila

I token non fungibili (nft) Bored Ape sono ormai diventati uno dei must have per ricchi e investitori digitali. Gli avatar esclusivi delle “scimmie annoiate”, di cui esistono solo 10mila esempari, hanno visto il loro prezzo schizzare alle stelle negli ultimi mesi, nell’ordine delle centinaia di migliaia di dollari. C’è però chi se l’è cavata con molto meno e ora potrebbe fare un considerevole profitto.

È il caso, riportato per la prima volta dal sito Cnet, di un utente che è riuscito a comprare uno di questi richiestissimi nft per “soli” 3.000 dollari, invece di sborsarne 300mila. Il merito non è stato però dell’acquirente, ma di una fortunata - per lui - virgola decimale fuori posto. La persona che stava vendendo la Bored Ape numero 3547 ha sbagliato a digitare il prezzo, scrivendo 0,75 Ethereum - criptovaluta molto utilizzata per queste transazioni - invece di 75, l’equivalente di 300mila dollari. Prima che l’utente potesse correggere l’errore, l’nft era andato a ruba, apparentemente comprato grazie a un bot programmato per trovare e acquistare annunci sotto prezzo. La scimmia annoiata è stata subito rimessa in vendita a quasi 250mila dollari.

Fonte: Wired

“Com’è successo? Un calo di concentrazione, immagino", ha detto il venditore di nome Max a Cnet. Max, o maxnaut, ha spiegato di mettere in vendita molti articoli ogni giorno e che in quel momento probabilmente non stava prestando la giusta attenzione, commettendo quello che in gergo è chiamato “errore da dito grasso”. Nelle transazioni bancarie tradizionali, questi errori vengono in genere annullati facilmente se la banca interessata viene informata rapidamente. Nel mercato decentralizzato dei token e delle criptovalute di solito non c’è modo di rimediare.

Nft di questo tipo si basano sulla speculazione e sul valore percepito più che sul valore artistico. Le Bored Apes sono state lanciate quest’anno e ogni avatar è personalizzato con diversi colori, design e accessori per renderlo unico. Bored Apes, oltre a essere un asset economico, permette di entrare in un club per pochi, il Bored Ape Yacht Club, con eventi e contenuti digitali esclusivi. Tra i proprietari di questi preziosi nft ci sono celebrità come Jimmy Fallon e Steph Curry. Inizialmente le Bored Apes venivano venduti per 0,08 Eth, circa 320 euro, ma ora costano centinaia di migliaia di dollari. In ogni caso Max sembra aver preso bene la sua sfortunata vendita. , come emerge da quanto scritto su Twitter.

Fonte: Wired

  • Condividi:

Altri articoli di Redazione TheLiquidJournal

Segway: Un mezzo di trasporto destinato al fallimento

Il Segway, mezzo di trasporto individuale che ha fatto la sua prima comparsa sul mercato americano nel 2002, venne massivamente pubblicizzato come mezzo di trasporto rivoluzionario

Internet Explorer ha finalmente una data di scadenza

Lo storico browser Microsoft smetterà di funzionare nel 2022, lasciando spazio al suo erede Edge. Ma gli utenti affezionati potranno riviverne l’esperienza tramite una modalità del nuovo browser di Redmond

Hackerati gli account Twitter di Bill Gates, Obama, Bezos e Elon Musk

L’attacco hacker avvenuto nelle scorse ore si profila come la più grande violazione nella sicurezza del cinguettio

Must Read

Ultimi articoli di Economia

Vertice Ue: la politica dei veti è anacronistica, il Recovery Fund non può essere messo a rischio a causa delle dispute ideologiche

Barend Leyts, portavoce del Presidente del Consiglio Europeo Charles Michel, annuncia tramite Twitter che il quarto vertice è previsto per questo pomeriggio alle ore 16

Qual è il momento giusto per vendere una startup?

Uno studio della Bocconi prova a identificare i fattori da monitorare per decidere quando è arrivato il momento di fare un’exit

Maxi centrale eolica a Rimini, nel cuore dell’Adriatico

In partenza il progetto per la creazioen di un parco eolico al centro dell’Adriatico

Fondo nazionale Biotech: il governo taglia 400 milioni

Un decreto del Mise stabilisce la restituzione dei fondi a Invitalia, che si impegna a usarli a sostegno dell’occupazione