Un nft è stato venduto per sbaglio a 3.000 dollari anziché a 300mila

I token non fungibili (nft) Bored Ape sono ormai diventati uno dei must have per ricchi e investitori digitali. Gli avatar esclusivi delle “scimmie annoiate”, di cui esistono solo 10mila esempari, hanno visto il loro prezzo schizzare alle stelle negli ultimi mesi, nell’ordine delle centinaia di migliaia di dollari. C’è però chi se l’è cavata con molto meno e ora potrebbe fare un considerevole profitto.

È il caso, riportato per la prima volta dal sito Cnet, di un utente che è riuscito a comprare uno di questi richiestissimi nft per “soli” 3.000 dollari, invece di sborsarne 300mila. Il merito non è stato però dell’acquirente, ma di una fortunata - per lui - virgola decimale fuori posto. La persona che stava vendendo la Bored Ape numero 3547 ha sbagliato a digitare il prezzo, scrivendo 0,75 Ethereum - criptovaluta molto utilizzata per queste transazioni - invece di 75, l’equivalente di 300mila dollari. Prima che l’utente potesse correggere l’errore, l’nft era andato a ruba, apparentemente comprato grazie a un bot programmato per trovare e acquistare annunci sotto prezzo. La scimmia annoiata è stata subito rimessa in vendita a quasi 250mila dollari.

Fonte: Wired

“Com’è successo? Un calo di concentrazione, immagino", ha detto il venditore di nome Max a Cnet. Max, o maxnaut, ha spiegato di mettere in vendita molti articoli ogni giorno e che in quel momento probabilmente non stava prestando la giusta attenzione, commettendo quello che in gergo è chiamato “errore da dito grasso”. Nelle transazioni bancarie tradizionali, questi errori vengono in genere annullati facilmente se la banca interessata viene informata rapidamente. Nel mercato decentralizzato dei token e delle criptovalute di solito non c’è modo di rimediare.

Nft di questo tipo si basano sulla speculazione e sul valore percepito più che sul valore artistico. Le Bored Apes sono state lanciate quest’anno e ogni avatar è personalizzato con diversi colori, design e accessori per renderlo unico. Bored Apes, oltre a essere un asset economico, permette di entrare in un club per pochi, il Bored Ape Yacht Club, con eventi e contenuti digitali esclusivi. Tra i proprietari di questi preziosi nft ci sono celebrità come Jimmy Fallon e Steph Curry. Inizialmente le Bored Apes venivano venduti per 0,08 Eth, circa 320 euro, ma ora costano centinaia di migliaia di dollari. In ogni caso Max sembra aver preso bene la sua sfortunata vendita. , come emerge da quanto scritto su Twitter.

Fonte: Wired

  • Condividi:

Altri articoli di Redazione TheLiquidJournal

Per il Premier Conte sarà un’estate di iniziative da portare a termine

A metà Luglio inizierà un percorso difficile per Conte, si partirà con il voto sullo scostamento di bilancio da 20 miliardi.

Cosa frena le Borse europee?

Le statistiche sull’andamento dei contagi pubblicate dall’Organizzazione mondiale della sanità, evidenziano criticità nel mercato Cinese, tedesco e Statunitense per via di nuovi focolai, questo è il resoconto che preoccupa le Borse europee.

Facebook mette sotto sorveglianza i gruppi che diffondono fake news politiche

Per 60 giorni i gruppi incriminati saranno costretti ad approvare manualmente ogni post. E le violazioni proseguono, si rischia l’oscuramento

Must Read

Ultimi articoli di Economia

Anche le criptovalute sono finite in mezzo alla guerra in Ucraina

Secondo alcuni esperti possono aiutare società e persone russe sotto sanzione ad aggirare le restrizioni. I grandi exchange per ora hanno rifiutato di bloccare le operazioni in Russia, mentre gli Stati cercano di controllare le transazioni

I server dell’aeroporto di Lamezia Terme usati per minare criptovalute

Un tecnico ha adoperato gli impianti dello scalo calabrese per estrarre Ethereum. Ora è indagato: ha messo a repentaglio la sicurezza informatica dell’aeroporto

Gli smartphone 5G avranno prezzi più competitivi dopo la crisi?

In Italia e più in generale in tutta Europa, la crisi ha portato gli acquirenti a rimandare al futuro le “ spese non necessarie”.

Adesso Spid si può attivare anche con un video

Basta un filmato girato via smartphone o computer per effettuare la procedura che permette di accedere al sistema pubblico di identità digitale