Il feedback diventa protagonista alla Ariston Thermo

Un’ App per monitorare il rapporto tra il capo e il suo team vede al centro il feedback e la formazione

Scoraggiare errori ed atteggiamenti negativi lavorando sul feedback, e sul rafforzamento delle pratiche che puntano al miglioramento tra capo e lavoratore.

Il gruppo di Fabriano produttore di caldaie, ha deciso di inserire nei percorsi di formazione del prossimo biennio un programma indirizzato allo sviluppo della leadership del gruppo.

Un modello basato sulla capacità del capo di sostenere lo sviluppo dei propri dipendenti attraverso uno stile partecipativo.

Ariston vuole introdurre un cambio di paradigma a tutti i livelli aziendali, con una copertura al 100% del personale.

Verrà introdotta un’ App che si occuperà del monitoraggio dei momenti di feedback attraverso un programma composto di momenti teorici ed esercitazioni pratiche.

Ariston Thermo ha preventivato di dedicare il 15% del proprio budget annuale per la formazione, usufruendo altresì di finanziamenti provenienti da Fondimpresa, per un ammontare totale di un milione di euro.

Il gruppo Ariston Thermo conta 7500 dipendenti in tutto il mondo, di cui un quinto lavora in Italia. A 90 anni dalla sua fondazione dimostra la forte vocazione internazionale vendendo in oltre 150 Paesi e raggiungendo l’89% del fatturato dello scorso anno totalmente all’estero.

In Italia vengono fatte circa 100 assunzioni annue e per i neoassunti sarà attivo un percorso di formazione iniziale completamente online.

Come dichiara Francesca Federici, training manager dell’azienda, a partire da settembre l’intero programma di formazione aziendale dovrebbe essere reso completamente virtuale.

Il progetto verrà svolto con il supporto di Fondimpresa la quale ha selezionato il Gruppo Ariston Thermo tra le best practice di formazione, inserendolo nell’ambito del monitoraggio valutativo svolto dal fondo.

Attualmente, come dichiara Federici, il Gruppo sta lavorando sulla formazione a distanza dei colleghi sui temi della sicurezza dello smart working per il rientro.

Alessandra Vizzi, rende noto che l’azienda già da marzo sta lavorando sullo sviluppo di un piattaforma di e-learning proprietario.

Si tratterà di uno strumento importantissimo che permetterà al gruppo Ariston Thermo di non affidare la formazione, specialmente per il servizio di assistenza post-vendita, a servizi esterni ma gestirla interamente sia per la formazione dei professionisti interni che esterni soggetti a continuo aggiornamento.



  • Condividi:

Altri articoli di Redazione TheLiquidJournal

Quali sono le spese ammesse dal cashback di stato

Oltre agli acquisti nei negozi, con l’app Enel X Pay gli utenti possono ottenere rimborsi sulle bollette. Validi anche i rifornimenti di benzina e le spese per artigiani e professionisti

CityQ: la nuova car e-Bike della startup norvegese

Quattro ruote del diametro di quelle di una bicicletta, un nuovo quadriciclo leggero, un ibrido tra un’auto e una bici che si può ricaricare pedalando

Nasce Primo Space, il primo fondo italiano di venture capital specializzato in investimenti in campo spaziale

Primo Space è il primo fondo italiano di venture capital tecnologico italiano specializzato in investimenti in campo spaziale, già in partenza con 58 milioni euro.

Must Read

Ultimi articoli di Trend / Lifestyle

L’intelligenza artificiale si guadagna la qualifica di inventore in tribunale

La Corte federale australiana riconosce un brevetto sviluppato da Dabus, un’Ai creata dal pioniere del settore Stephen Thaler

Chi è Charli D’Amelio, la prima influencer con 100 milioni di follower su Tiktok

In poco più di un anno di pubblicazioni su TikTok Charli D’Amelio è la prima creator a sfondare il muro dei 100milioni di follower. A soli 16 anni Charli ha creato un ecosistema mediatico che le frutta circa 4 milioni annui.

Adesso l’iPhone si aggiusta in casa

A partire dal prossimo anno, Apple ti invierà parti e strumenti per riparare il tuo iPhone e Mac, senza bisogno dell’assistenza

Facebook mette sotto sorveglianza i gruppi che diffondono fake news politiche

Per 60 giorni i gruppi incriminati saranno costretti ad approvare manualmente ogni post. E le violazioni proseguono, si rischia l’oscuramento