Tweet vocali: incubo o un nuovo modo di utilizzare Twitter?

Dopo l’introduzione dei Fleets, simili alle Storie di Instagram, si preannunciava l’introduzione dei tanto discussi messaggi vocali su Twitter.

Jack Dorsey, creatore di Twitter, nei giorni scorsi aveva preannunciato l’arrivo dei Tweet vocali per un numero selezionato di utenti, una funzione supportata dal sistema ioS.

Nelle prossime settimane è prevista l’applicazione a tutti i clienti ioS.

Maya Patterson e Rèmy Bourgoin, product designer e senior software engineer per la per la piattaforma microblogging, affermano che questa nuova funzionalità darà un tocco più umano, tramite la voce, al classico cinguettio.

La nuova funzionalità appare semplice ed intuitiva, oltre al tasto per comporre un nuovo tweet, ultime foto e video compare un nuovo tasto con il simbolo in viola.

La nuova schermata di registrazione permette di registrare un audio in più riprese per un massimo di 2 minuti e 20 secondi (140 secondi in totale). E’ presente un pallino rosso in alto per ricordare agli utenti che stanno registrando e terminato il minutaggio si passerà in automatico ad una nuova registrazione.

attualmente non presente un contatore per monitorare il numero di tweet vocali collegati si stanno facendo.

Sarà possibile aggiungere il testo all’audio, per un totale di 25 tweet.

Anche coloro che non risultano ancora abilitati potranno interagire con i Tweet vocali.


  • Condividi:

Altri articoli di Redazione TheLiquidJournal

Must Read

Ultimi articoli di Trend / Lifestyle

La Moda veste la Pace, Premio assegnato a Giorgio Armani

Giorgio Armani, lo stilista milanese icona di riferimento della Moda italiana vince il prestigioso Premio “La Moda veste la Pace”.

Segway: Un mezzo di trasporto destinato al fallimento

Il Segway, mezzo di trasporto individuale che ha fatto la sua prima comparsa sul mercato americano nel 2002, venne massivamente pubblicizzato come mezzo di trasporto rivoluzionario

L’enoturismo ha reso l’Italia la meta più desiderata nel 2019, il digitale sarà la risorsa chiave per non perdere questo primato

L’Università Bocconi con la collaborazione del Consorzio di Tutela del Gavi, ha condotto una ricerca sull’enoturismo