Wikipedia avrà un servizio a pagamento riservato alle big tech

Nel corso del 2021 Wikimedia Foundation lancerà un nuovo servizio a pagamento dedicato alle multinazionali del tech che attingono ai dati di Wikipedia. Il progetto prenderà il nome di Wikimedia Enterprise e venderà i contenuti di Wikipedia ai colossi online – ed eventualmente anche alle aziende più piccole – che, come fa già Google, utilizzano i contenuti dell’enciclopedia online in servizi dedicati ai loro utenti.

(foto: Unsplash)

Facendo una ricerca tramite il motore di ricerca di Big G, infatti, è risaputo che nella prima pagina delle prime voci mostrate ci sarà spesso e volentieri una pagina di Wikipedia. Si tratta di una collaborazione informale tra le due parti, ma con l’avvento di Wikimedia Enterprise per mostrare questi dati Google dovrà pagare l’enciclopedia per usare i suoi contenuti.

Wikimedia e le grandi società informatiche sono già seduti al tavolo delle trattative e, secondo fonti interne al progetto, gli accordi potrebbero essere raggiunti entro giugno dando così il via a Wikimedia Enterprise. “Questa è la prima volta che la fondazione riconosce che gli utenti commerciali sono a tutti gli effetti utenti del nostro servizio”, ha detto alla versione americana di Wired Lane Becker, direttore senior della fondazione, che ha avviato il progetto Enterprise con un piccolo team.

Tutti i contenuti dell’enciclopedia rimarranno comunque accessibili gratuitamente per gli utenti. La differenza tra i dati accessibili gratuitamente e quelli premium, riservati alle aziende, risiederà nel fatto che gratuitamente si potrà avere accesso soltanto a un raccoglitore dati generico. Grazie al progetto Enterprise, invece, il processo di selezione, pulizia, e formattazione dei dati sarà interamente svolto da Wikimedia, che consegnerà come prodotto finito il pacchetto dati richiesto dall’azienda di turno.

La novità potrebbe essere un vantaggio anche per le società, che così facendo potranno risparmiare tempo e denaro, attingendo direttamente alle fonti di loro interesse. Per Wikimedia, invece, il progetto sarà di certo una nuova fonte di guadagno che permetterà alla fondazione di continuare il proprio lavoro, mantenendo le numerose versioni di Wikipedia gratuite per tutti.


Fonte: Wired

  • Condividi:

Altri articoli di Redazione TheLiquidJournal

Coi Reels, Facebook ha lanciato l’ennesimo guanto di sfida a TikTok

Menlo Park ha scelto di integrare i brevi video di Instagram sulla piattaforma principale, dichiarando apertamente guerra all’app di Bytedance. Ma stavolta l’avversario potrebbe essere più tosto del previsto

Intesa Sanpaolo lancia XME StudioStation

Intesa Sanpaolo lancia un prestito alle famiglie per sostenere lo studio a distanza.

HP offre la Stampa 3D as-a-service

HP, nota azienda produttrice di stampanti, ha esteso la sua offerta a nuovi mercati, proponendo un servizio all-inclusive 3D as-a-service (3DaaS) Plus.

Must Read

Ultimi articoli di Innovazione

Come la startup che "non funzionerà mai" è diventata Netflix

Il co-fondatore di Netflix Marc Randolph racconta in un’intervista a Wired i primi anni della startup che ha cambiato il mondo dell’intrattenimento e dello streaming

Alla scoperta del Pianeta gemello: nell’estate 2020 gli Emirati Arabi Uniti lanciano Hope su Marte

Il 20 luglio 2020 Hope riesce ad essere lanciato in direzione Marte, quest’estate il ciclo della meccanica dei corpi celesti apre una finestra ideale

CityQ: la nuova car e-Bike della startup norvegese

Quattro ruote del diametro di quelle di una bicicletta, un nuovo quadriciclo leggero, un ibrido tra un’auto e una bici che si può ricaricare pedalando

Un nuovo colosso del Food delivery

Just Eat Takeaway è destinato a diventare il più grande servizio di consegna del cibo dopo aver acquistato Grubhub per 7,3 miliardi di dollari.