L’inventore del web ha venduto il suo codice sorgente come Nft per 5,4 milioni di dollari

Il dna del web vale 5,4 milioni di dollari: tanto è stato valutato il codice sorgente del primo internet, venduto all’asta da Sotheby’s. Il fondatore del moderno internet Tim Berners-Lee aveva messo in vendita nelle scorse settima, tramite la famosa casa d’aste londinese, un Nft (token non fungibile) del codice sorgente per il World Wide Web, di cui è stato l’autore nel 1989, e che ieri ha trovato un acquirente.

Foto: una piccola parte del codice sorgente del World Wide Wieb, via Sotheby’s

Il fortunato, e facoltoso, compratore anonimo si è aggiudicato quattro diversi articoli come un unico token. Questo include i file originali con data e ora del codice sorgente scritto per il progetto, una visualizzazione animata di 30 minuti di Berners-Lee che scrive il codice, una sua lettera sul processo creativo e un poster digitale del codice da lui creato e ovviamente autografato. Parliamo di 10mila righe di codice in tutto. L’inventore del web aveva fatto sapere che il ricavato da questa vendita sarebbe andato a finanziare cause benefiche.

Riguardo alla scelta di entrare prepotentemente nel nuovo mercato degli Nft, in una citazione sul sito di Sotheby’s, Berners-Lee ha descritto questi oggetti digitali collezionabili garantiti dalla blockchain come “il mezzo di proprietà più appropriato che esista” e “il modo ideale per impacchettare le origini dietro il web”. Secondo Gizmodo il creatore di internet sembra “riconoscere il mercato degli Nft come un luogo ideale dove stipare i ricchi in modo che non acquistino effettivamente il web”.

Berners-Lee aveva reso nel 1993 la sua creazione di pubblico dominio e ha notoriamente sostenuto da anni la neutralità della rete, mettendo in guardia della privatizzazione per il profitto che schiaccia il principio del web come piattaforma equa e libera. L’informatico ha spinto anche perché dopo la vendita Sotheby’s rendesse disponibile sul suo sito l’animazione e le stringhe di codice per i più curiosi. Il certificato di proprietà digitale di quella che si può considerare a tutti gli effetti un’opera d’arte, è invece nelle mani da ora di una sola persona.

Il prezzo di vendita rappresenta quasi il doppio del valore del primo tweet dell’inventore di Twitter, Jack Dorsey, e dieci volte tanto quanto il meme della Disaster Girl. Il codice di Berners-Lee è però ancora molto lontano dal valore di 70 milioni di dollari, pagati per 5.000 immagini digitali dell’artista Beeple.


Fonte: Wired

  • Condividi:

Altri articoli di Redazione TheLiquidJournal

WhatsApp, Facebook e Instagram: si avviano verso un unico sistema cross-platform.

Vi è mai capitato di chattare con lo stesso utente, a proposito di argomenti diversi sia su Facebook, Instagram che WhatsApp?

Centrapay sviluppa un’ App per acquistare Coca-Cola in criptovalute.

Centrepay, piattaforma di pagamenti digitali neozelandese, nata nel 2017, sviluppa l’App “Sylo Smart Wallet” che sfrutta la tecnologia blockchain per la sua offerta di servizi innovativi in ambito finanziario.

Piazza Affari risale dopo il tonfo di febbraio, ma resta ancora indietro

Il 30 giugno c’è stato l’ultimo incontro prima dell’inizio del secondo semestre, vige ancora un clima di incertezze da parte degli investitori preoccupati per gli effetti che potrebbe avere un nuovo lockdown.

Must Read

Ultimi articoli di Economia

Anche Poste Italiane in campo per la cessione del credito relativo alle varie agevolazioni fiscali

l servizio di cessione del credito è disponibile dal 21 Settembre per le imprese per il “Bonus vacanze” e dal 19 ottobre 2020, per imprese e privati, anche per il “Superbonus”.

Qual è il futuro dei coworking?

Tra aziende che vogliono liberare spazio nelle sedi e piattaforme digitali di networking e formazione, ecco come gli uffici condivisi cambiano pelle

Qual è il momento giusto per vendere una startup?

Uno studio della Bocconi prova a identificare i fattori da monitorare per decidere quando è arrivato il momento di fare un’exit

Il braccio fintech di Alibaba è pronto a una quotazione da 35 miliardi

Il braccio finanziario di Alibaba, Ant Group, ha alzato ancora il target per la sua doppia Ipo a Shangai e Hong Kong e punta a un debutto in Borsa da record