Meta chiude il suo portafoglio digitale per criptovalute

Meta, la casa madre di Facebook, chiuderà Novi, il suo servizio di trasferimento denaro e pagamenti tramite portafoglio digitale. Lo ha annunciato l’azienda sul sito web di Novi, indicando come termine definitivo del servizio il primo settembre 2022 e invitando gli utenti a ritirare tutto il proprio denaro dalla piattaforma “il prima possibile”.

Foto Fonte Wired

Con la fine di Novi, termina definitivamente e completamente la fallimentare avventura di Meta nel settore delle criptovalute, dopo aver venduto a febbraio 2022 la sua stablecoin Diem a Silvergate.

Su metaverso e criptovalute Facebook vuole dimostrare che sta facendo sul serio

Meta, la società di Mark Zuckerberg, apre la sua piattaforma multiplayer in realtà virtuale, Horizon Worlds, a tutti i maggiorenni negli Stati Uniti e in Canada. E alcuni utenti americani di WhatsApp potranno inviare e ricevere pagamenti tramite Novi, il portafoglio di criptovalute.

Nato sotto il nome di Calibra, Novi era stato progettato come un portafoglio digitale per la stablecoin di Meta, nota inizialmente come Libra e poi rinominata Diem. La moneta digitale è stata poi abbandonata anche per le pressioni esercitate dal governo degli Stati Uniti, secondo cui lo sviluppo di una propria valuta avrebbe comportato “un’eccessiva concentrazione di potere” e “vantaggi nell’accesso al credito o l’uso di dati per commercializzare o limitare l’accesso ai prodotti” per il gigante tecnologico.
Dal 21 luglio 2022 gli utenti perderanno la possibilità di aggiungere denaro ai loro conti e l’account WhatsApp e l’app di Novi verranno disabilitati. In seguito, quando il progetto verrà definitivamente chiuso, non sarà più possibile accedere alla cronologia delle transazioni e a tutti gli altri dati. 
Nonostante Novi sia giunto al termine, Meta ha dichiarato di voler riutilizzare la tecnologia per prodotti futuri, come il metaverso, anche se non è chiaro cosa la società abbia esattamente in mente. "Stiamo già sfruttando gli anni investiti nel costruire le capacità di Meta sulla blockchain per introdurre nuovi prodotti, come gli oggetti da collezione digitali", ha dichiarato Meta in un comunicato riportato da CoinDesk. E ancora: “Potete aspettarvi di vedere di più da noi sul Web3, perché siamo molto ottimisti rispetto al valore che queste tecnologie possono portare alle persone e alle aziende nel metaverso". Meta infatti, ha già aumentato i suoi sforzi per introdurre i token non fungibili (Nft) sulle sue piattaforme.

Fonte: Wired


  • Condividi:

Altri articoli di Redazione TheLiquidJournal

Neutrino: Da un coworking di Milano a protagonista dell’innovazione

Neutrino, la startup innovativa che opera nel campo dell’intelligence crypto

La blockchain autorizzata: il registro condiviso adottato dall’Ospedale di Cipro

L’Ospedale di Cipro in collaborazione con la blockchain VeChain ha sviluppato la blockchain autorizzata E-NewHelthLife, per raccogliere i dati medici dei suoi pazienti relativamente all’emergenza sanitaria Covid-19.

Fondo nazionale Biotech: il governo taglia 400 milioni

Un decreto del Mise stabilisce la restituzione dei fondi a Invitalia, che si impegna a usarli a sostegno dell’occupazione

Must Read

Ultimi articoli di Innovazione

Facebook ha dovuto pubblicare una rettifica sulla gratuità dei suoi servizi

Gli utenti italiani in questi giorni stanno visualizzando un nuovo banner: è l’ultimo capitolo di uno scontro tra Menlo Park e l’Agcm . Per evitare altre multe, Facebook ha deciso di informare a dovere gli utenti sul trattamento dei loro dati

Alla scoperta del Pianeta gemello: nell’estate 2020 gli Emirati Arabi Uniti lanciano Hope su Marte

Il 20 luglio 2020 Hope riesce ad essere lanciato in direzione Marte, quest’estate il ciclo della meccanica dei corpi celesti apre una finestra ideale

L’intelligenza artificiale si guadagna la qualifica di inventore in tribunale

La Corte federale australiana riconosce un brevetto sviluppato da Dabus, un’Ai creata dal pioniere del settore Stephen Thaler

Microsoft HoloLens per trattare i pazienti affetti da Covid 19

In Nuova Zelanda in collaborazione con il SIT (Southern Institute of Technology) un istituto sta sperimentando il trattamento infermieristico su pazienti affetti da Covid in un ambiente sicuro e controllato.