“The Italian Way” reshoring ed e-commerce, uno studio di Unicredit

Lo studio di Unicredit “The Italian Way” prevede una road map virtuale partita il 16 giugno 2020 da Napoli, mostra che nel 2020 la filiera della Moda italiana subirà delle perdite comprese tra il 20% e il 25%.

La Banca ha organizzato una “Road Map Virtuale” sul Made in Italy, in partenza da Napoli e a seguire ci saranno anche  Roma, Palermo e Torino.

L’iniziativa, basata su dati Cerved, mira ad indagare e riflettere sugli scenari che il Covid-19 ha causato e a come fronteggiarli nella maniera più efficace, sviluppando strategie competitive per la ripartenza delle eccellenze italiane.

Dallo studio emergono due scenari principali, uno “Soft” con perdite preventivate di ⅕ del fatturato 2019, mentre l’altro “Hard” che arriverebbe ad una perdita di ¼ del valore pre-Covid. Quest’ultima ipotesi influirebbe significativamente sul 2021.

Il settore della Moda Italiana era giunto “in salute” alla fase pre-Covid, registrando un domanda superiore all’offerta, merito soprattutto delle esportazioni. contemporanea al blocco della produzione a marzo si è registrato anche un calo della domanda.

Dalla Cina, tuttavia, arrivano segnali di ripresa, un aumento della spesa in beni voluttuari.

Molte aziende italiane stanno investendo nell’e-commerce, settore cresciuto del 60% durante il lockdown, mentre altre stanno puntando su un ritorno della produzione in patria il cosiddetto “reshoring”. Si tratta di un vero e proprio controesodo, un rientro in Italia di aziende che avevano delocalizzato la produzione.

Gli imprenditori della Moda italiana si dicono fiduciosi nel poter colmare il gap economico preesistente nel Paese, sfruttando gli incentivi economici messi a disposizione e lavorando su ulteriori agevolazioni per favorire il “ritorno della produzione in Italia.

Carlo Casillo, Presidente della sezione moda di confindustria Napoli  dice : «Il reshoring può essere un’occasione unica. Alle banche chiedo di credere nel sistema Moda e sostenerlo.»

Anche Lavinia Biagiotti invia un messaggio di ottimismo, dicendo che le imprese della Moda si sono rivelate flessibili nella risposta alla pandemia, in quest’ottica bisogna aver fiducia nelle collezioni future.


  • Condividi:

Altri articoli di Redazione TheLiquidJournal

Su WhatsApp arriveranno le immagini che si autodistruggono

Stando alle rivelazioni del sito specializzato Wabetainfo, l’app sta sviluppando una funzionalità a lungo richiesta dai suoi utenti: le immagini che si autodistruggono allo scadere di un timer.

Neutrino: Da un coworking di Milano a protagonista dell’innovazione

Neutrino, la startup innovativa che opera nel campo dell’intelligence crypto

Etro sfila alla Milano Fashion Week, è il primo evento dal vivo post Covid, un mezzo per veicolare positività

La famiglia Etro, Veronica e Kean vogliono trasmettere gioia di vivere e colori, per questo decidono di adottare tutte le misure di sicurezza necessarie per poter sfilare dal vivo.

Must Read

Ultimi articoli di Trend / Lifestyle

I due colori Pantone del 2021, per lasciarsi alle spalle il 2020

Per l’anno che verrà Pantone indica non uno, ma due tonalità: un grigio brillante e un giallo vivace, che vogliono essere insieme manifesto di speranza

Chi è Charli D’Amelio, la prima influencer con 100 milioni di follower su Tiktok

In poco più di un anno di pubblicazioni su TikTok Charli D’Amelio è la prima creator a sfondare il muro dei 100milioni di follower. A soli 16 anni Charli ha creato un ecosistema mediatico che le frutta circa 4 milioni annui.

Gli artisti emergenti possono emanciparsi grazie a Patreon

Artisti, giornalisti, videomakers, podcasters, fotografi, scrittori e anche organizzazioni no profit possono farsi pagare per il loro contenuti.

Wikipedia avrà un servizio a pagamento riservato alle big tech

A metà di quest’anno arriverà un nuovo servizio a pagamento riservato alle società tecnologiche che attingono dati dall’enciclopedia online. E che da quel momento dovranno iniziare a pagarli