Maxi centrale eolica a Rimini, nel cuore dell’Adriatico

Via al progetto di posizionare 59 eliche al largo della riviera Romagnola.

Un progetto da oltre un miliardo di euro.

L’eolico al centro del mare è uno dei progetti più ambiti nel settore energetico, zero disturbo alla cittadinanza e maggiori performance.

L’idea di posizionare questi moderni mulini a vento nell’Adriatico è della società di scopo Energia wind 2000 formata dalle aziende Fortore e 3R Energia.

Non è la prima volta che si tenta di portare avanti un progetto di simile fattezza, sono stati presentati in passato anche a Gela, in Molise e Puglia, senza successo.

La Provincia, in questo caso, mostra il suo assenso, dopo quasi 15 anni dalla prima proposta ora sta organizzando una serie di incontri di presentazione del progetto.

L’ente iniziò a studiare il progetto sulla base degli anemometri, misuratori del vento, posti su Azalea, piattaforma di estrazione dell’Enel.

A seguito delle suddette analisi la Provincia stipulò un accordo con Energia Wind 2000.

Nel 2019 ha ottenuto il permesso da Terna al collegamento tra la futura centrale e la linea adriatica di alta tensione.

Ha inoltra ottenuto l’autorizzazione unica da Ministero dei delle infrastrutture e dei Trasporti nonché la concessione demaniale per 30 anni del braccio di mare.

La struttura dei 59 ventilatori sarà formata da piloni alti 125 metri con eliche dal raggio di 81 metri, per non essere viste dalla spiaggia saranno posizionate il più lontano possibile e genereranno 5 megawatt l’uno.

Con un miliardo di euro di investimenti e mille aziende coinvolte nel progetto si mira alla creazione di oltre 200 posti di lavoro nei settori di: manutenzione e Ricerca e Sviluppo.

Come per le piattaforma di estrazione sarà vietata la pesca in prossimità dell’area adibita e questo comporterà lo sviluppo del settore turistico e favorirà la salvaguardia delle specie ittiche dalla pesca a strascico.



  • Condividi:

Altri articoli di Redazione TheLiquidJournal

Il futuro dell’innovazione è in Israele

Raggiunti nei primi 10 mesi dell’anno i 10 miliardi di dollari

Tim è una delle grandi aziende che inizia a programmare nel medio termine la modalità di lavoro “agile” dei suoi dipendenti.

Sono stati siglati due differenti accordi sindacali da parte di Tim per regolamentare le modalità di svolgimento dello smart working.

Gli smartphone 5G avranno prezzi più competitivi dopo la crisi?

In Italia e più in generale in tutta Europa, la crisi ha portato gli acquirenti a rimandare al futuro le “ spese non necessarie”.

Must Read

Ultimi articoli di Economia

I trend che cambieranno bitcoin e criptovalute nel 2021

Dal ruolo di Facebook e Diem (ex Libra) agli investimenti delle finanziarie fino alla crescita delle stablecoin: ecco i fenomeni da tenere d’occhio

Quali sono le spese ammesse dal cashback di stato

Oltre agli acquisti nei negozi, con l’app Enel X Pay gli utenti possono ottenere rimborsi sulle bollette. Validi anche i rifornimenti di benzina e le spese per artigiani e professionisti

C’è chi fa mining di bitcoin al Circolo polare artico

Le temperature fino a -43 gradi in una città in Siberia garantiscono il raffreddamento dei server utilizzati per estrarre la criptovaluta

Come funziona il cashback di stato

Massimo 3mila euro di spese, 1.500 ogni sei mesi per avere un rimborso del 10%. Come registrarsi al programma per rilanciare i pagamenti digitali